WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500596735.5355439186096191406250', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

L’intelligenza degli investigatori | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

L’intelligenza degli investigatori

| 0 comments

Quando si parla di delitti insoluti, specie se avvenuti in provincia, ho sempre un sospetto, che mi nasce dall’essere io stesso un provinciale: quello che gli investigatori abbiano pasticciato con le prove nei momenti immediatamente successivi alla scoperta del delitto.

Sarà una mia idea strana ed errata ma me li immagino gironzolare sulla scena del delitto, calpestando continuamente le prove, mentre insistono nel tenere lontani gli immancabili curiosi e fanno dare un’occhiata però all’amico o al parente che vuole scattare una foto.

Anche se così fosse non è poi così tanto colpa loro, mica ad un maresciallo di un paesino della sicilia o della puglia possiamo chiedere la competenza del Ris di Parma. Però l’immagine mi resta vivida. Ed è rafforzata dalla mia conoscenza delle forze dell’ordine di alcuni paesi del Sud, che a mio parere non riuscirebbero a condurre indagini approfondite nemmeno su assassini o ladri con badge identificativo.

Ecco non so quanto questo discorso valga anche per gli investigatori di Brembate di Sopra per il caso Yara. Però mi immagino una scena del genere, così come credo che abbiano pasticciato in tutti i posti dove finora i grandi delitti mediatici sono avvenuti.

Le prove direte voi? é una sensazione, ma chissà quanto lontana dalla realtà.

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.