WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1501029427.1285510063171386718750', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

La sindrome di Fonzie | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

La sindrome di Fonzie

| 1 Comment

Lo diceva una canzone, e lo dice l’esperienza: tutti riescono a spiegare una vittoria, in pochi riescono ad ammettere una sconfitta. Un buon esempio di spirito olimpico era venuto da Massimiliano Rosolino, fuori al primo turno nei 400 e nei 200sl, arrabbiato e sconsolato, ma che almeno ci ha risparmiato l’attribuzione di colpe a piscina, costume, orari, organizzatori e spettatori con vestiti sgargianti.

Tutto il contrario di quanto fatto da Federica Pellegrini che, evidentemente presa dalla nostalgia dell’Italia, ha rispolverato tutto il migliore vittimismo nostrano per spiegare il quinto posto nei 400sl, distanza di cui detiene anche il record mondiale. Invece di chiarire la dissennata (e stancante) strategia messa in atto nella gara delle eliminatorie in cui ha senza motivo forzato per chiudere con il record olimpico, la nuotatrice non ha esitato a dare la colpa agli organizzatori per la scelta di far disputare le finali in mattinata (scelta che penalizza noi italiani ma che rende felici i telespettatori e le munifiche tv americane).

In piena sindrome di Fonzie, quella che blocca la parola ho sbagliato trasformandola in un "ho sb, ho sb", la Pellegrini dice "troppo duro correre la mattina, dovevamo fare più prove", come se le sue avversarie avessero tranquillamento corso alle 5 di pomeriggio mentre lei era sola in vasca alle 10 di mattina. E come se, come ha aggiunto Filippo Magnini, non fosse risaputa da oltre un anno la decisione di far disputare la corsa il mattino.

Insomma un tipico caso di infantilismo acuto, in cui se si vince è solo per le proprie capacità e se si perde è sempre colpa di un nemico invisibile e subdolo (e spesso inesistente). Devo dire che i giornalisti, per pure ragioni di bottega, alimentano le polemiche fornendo facili assist a chi dovrebbe invece assumersi la responsabilità dei propri successi e fallimenti. Che bel quadretto.

Update: pare che qualcuno abbia convinto Federica a fare finalmente autocritica. Sentitamente ringraziamo!

 

Be Sociable, Share!

One Comment

  1. Ha ritrattato solo dopo il nuovo record mondiale nei 200SL. Chissà se avrebbe fatto altrettanto se non avesse fatto il botto.

Lascia un Commento

Required fields are marked *.