WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500597692.8933219909667968750000', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

I profeti | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

I profeti

| 0 comments

Dai 1530 (alle 14:44 di oggi) lanci di agenzia che riguardano dal 13/11 la vicenda del senatore Villari ne ho scelte 5 che danno un quadro molto chiaro della situazione. Eccovele.

Apc-Rai/D’Alema:Villari si dimetterà,non è quinta colonna maggioranza [1]"Al di là di nostri errori condotta, Pdl ha violato un principio"

 

Roma, 14 nov. (Apcom) – Riccardo Villari non è la quinta colonna del Pdl, e "non ho dubbi che si dimetterà" dalla presidenza della Vigilanza Rai: "Dirà lui cosa vuole fare nei prossimi giorni". Ne è certo Massimo D’Alema, intervistato da Red Tv. "D’altro canto – aggiunge l’esponente del Pd – se non si dimettesse sarebbe un’operazione di cattura di un parlamentare di centrosinistra.

Non è nuovo Berlusconi a queste operazioni, ma così non risolve il problema del dialogo con opposizione".

 

RAI: VIGILANZA; FINOCCHIARO, VILLARI SI DIMETTERA’

 

(ANSA) – PALERMO, 15 NOV – ”Villari ha detto che si  dimettera’, d’altronde e’ quello che era stato deciso piu’ volte  nel corso di riunioni del partito e dei gruppi parlamentari”.

Cosi’ il presidente del Pd in Senato, Anna Finocchiaro ha  risposto a Palermo, a margine di un convegno sul federalismo del  Partito Democratico, ai giornalisti a proposito dell’elezione di  Riccardo Villari (Pd) alla presidenza della commissione di  Vigilanza sulla Rai.

E se non si dimettera’? ”In quel caso – ha aggiunto  Finocchiaro, replicando ai giornalisti – il partito ha i suoi  regolamenti”.(ANSA).

 

 

RAI: VILLARI, MI DIMETTERO’ CON INTESA SU NUOVO NOME

INTENDO SVOLGERE MIA FUNZIONE GARANZIA PER RICOSTRUIRE DIALOGO  ISTITUZIONALE

 

Roma, 14 nov. (Adnkronos) – Riccardo Villari si dimettera’ da  presidente della commissione di Vigilanza Rai una volta che i gruppi  parlamentari raggiungeranno un’intesa su un nuovo nome "su cui far  convergere i propri voti". Lo afferma il senatore del Pd in una nota  in cui spiega: "Sono consapevole che la mia elezione e’ avvenuta con  una modalita’ inconsueta; adesso intendo svolgere la mia funzione di  garanzia prendendo contatti con i Gruppi parlamentari per ricostruire  quel dialogo istituzionale tra maggioranza e opposizione, giungendo ad un nome su cui far convergere i propri voti".

"Allora -aggiunge Villari- saro’ ben lieto di formalizzare le  mie dimissioni, avendo cosi’ contribuito a ripristinare il  funzionamento dell’organismo istituzionale che mi ha eletto  presidente".

 

 

RAI: VIGILANZA; VILLARI, MIA DECISIONE SOLO DOPO SOLUZIONE

 

(ANSA) – ROMA, 17 NOV – Se c’e’ una ”soluzione” alla  vicenda della Commissione di Vigilanza sulla Rai, il presidente  eletto, Riccardo Villari, prendera’ una ”decisione  conseguente”: lo dice lui stesso, a poche dall’incontro col  segretario del Pd, Walter Veltroni.

”Credevo di essere stato chiaro e lineare – dice Villari -  ma da certe interpretazioni che leggo sui giornali evidentemente  mi sbagliavo. Ho chiesto un incontro a Veltroni e gli diro’ che,  in presenza di una soluzione condivisa, le mie decisioni saranno  conseguenti”.

Questo significa che, in assenza di quella soluzione, andra’  avanti per la sua strada? ”Mi dicono che ci sono anche obblighi  giuridici – spiega Villari – cercheo’ di avere contezza di tutto  questo prima dell’incontro col segretario”. Tra domani e  mercoledi’, ha ricordato Villari, vedra’ anche i presidenti di  camera e Senato. 

Vilari e’ stato eletto giovedi’ scorso con 23 voti, di cui 21  della maggioranza e due dell’opposizione.

 

 

RAI: VIGILANZA; VILLARI, HO DECISO DI RESTARE PRESIDENTE

 

(ANSA) – ROMA, 20 NOV – ”Ho deciso di mantenere il ruolo di  presidente della Commissione di Vigilanza che mi e’ stato  affidato col voto di parlamentari che hanno svolto  legittimamente la loro funzione”: lo dice il presidente eletto  della Vigilanza, Riccardo Villari, che ha chiesto  ”rispettosamente a tutti i colleghi della Commissione di  compiere un atto di coraggio e di permettere a questo organo di  garanzia di svolgere il suo delicato e impegnativo lavoro”.

Villari chiede anche ”alla politica dei partiti di fare un  passo indietro”, e precisa che, pur avendo ”la massima stima e  considerazione per il senatore Zavoli”, si sente a sua volta  ”un esponente e un uomo del Partito Democratico, e sottolineo  democratco, e per questo so che il valore delle istituzioni  precede il peso delle segreterie”.

 

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.