WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1501029187.1192660331726074218750', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Sostiene Schifani | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Sostiene Schifani

| 5 Comments

Chi ha imparato negli anni ad apprezzare Renato Schifani come dichiaratore (inde)fesso nei tg nazionali non si è sorpreso della sua dichiarazione fatta a Domenica In, secondo cui il segretario del pd Veltroni "avvelena il clima politico".

Colui che, da capo dei senatori di fi, per un decennio ha bersagliato le agenzie di comunicati in cui ha definito i suoi avversari politici e chiunque si opponesse all’oggetto della sua adulazione in tutti i modi possibili, era il candidato naturale del centrodestra alla seconda carica dello Stato. Non foss’altro per i suoi affari con gente poi dichiarata mafiosa (denuncia per cui Marco Travaglio era stato duramente attaccato, ma che non ha prodotto uno straccio di risposta adeguata alle domande che venivano poste).

Per Schifani non è dunque il conflitto di interessi che ci rende ridicoli agli occhi del mondo, non sono le 16 (dico sedici) leggi ad personam (di cui una firmata da lui), non solo le proposte scandalose su giustizia, scuola, telecomunicazioni, non è il pensiero unico galoppante e le quotidiane cronache, dei tg mediaset e non solo, su quanto sono brutti e sporchi e delinquenti gli immigrati, a rappresentare un rischio per il clima politico.

L’avvelenamento avverrebbe quando il leader dell’opposizione, dopo essersi illuso per mesi che con mr. b. si potesse dialogare e non semplicemente ascoltare i suoi monologhi, denuncia alcune di queste cose che sono sotto gli occhi di un lettore mediamente informato e parla, finalmente, di deriva autoritaria.

Dopo aver sistemato Veltroni il presidente del Senato è tornato a volare alto, passando, consumandosi le ginocchia, a raccontare dell’amore della sua vita, il premier, ricordando con commossa gratitudine la storia del "parco Schifani" a Villa Certosa. Ha mancato solo di rammentare il consiglio di archiviare il riporto, giunto anche questo dall’Altissimo, ma sarebbe stato troppo anche per uno statista del suo calibro.
E quasi ci siamo rimasti male quando, qualche ora dopo, ha detto che NON E’ SOLO Veltroni ad avvelenare il clima. Lo Schifani dei bei tempi ne avrebbe chiesto le dimissioni e la scomparsa dalla scena politica, indolore per l’Italia in quanto "il presidente Berlusconi naviga sull’80% dei consensi".
Grazie signor Schifani, per averci di nuovo distribuito le sue perle di saggezza, sempre misurate e sempre da uomo indipendente, servo delle solo delle istituzioni. E Lui E’ un’istituzione.

Be Sociable, Share!

5 Comments

  1. Certo…a parte i problemi di Schifani con le leggi ad personam e collusioni mafiose varie, però mai una sua dichiarazione è stata così tanto azzeccata come quella che hai citato poc’anzi.

    E’ vero! Veltroni avvelena il clima politico e quello sociale italiano.

    Andiamo su! Non serve certo essere scienziati per capire che Veltroni utilizza, strumentalizza, adopera qualunque cosa, vicenda o tragedia come arma letale da scagliare contro un esecutivo che a lui e a tutti gli altri comunisti di razza, sta sui cosiddetti…

    Veltroni è un autentico verme della terra! Lui la notte non dorme e prega il Padreterno che l’indomani accada un’altra tragedia a sfondo pseudorazzista, proprio per inventarsi altri anatemi da scagliare contro un governo a lui nemico giurato.

    Questo è terrorismo ideologico e basta.

    Tu pensi sul serio di mandare un rognoso come lui al governo un giorno?

  2. chi legge questo blog sa che non ho mai fatto convinte dichiarazioni di voto, e il post precedente a lui dedicato non è da meno.

    Però a me sembra che, a parte il comunismo di razza, il mestiere dell’opposizione sia quello di denunciare i guasti che a suo modo di vedere il governo porta al Paese.

    E su questo governo l’elenco sarebbe molto lungo, nonostante sia in carica da pochi mesi.

    Il terrorismo ideologico credo sia di chi crede che la violenza, nel paese di mafia, camorra e ‘ndrangheta, finirebbe con l’espulsione di tutti gli immigrati.

  3. Tra i due mali,Veltroni & Berlusconi,meglio scegliere il male minore…….

  4. I clandestini devono andare fuori!

    Non sono censiti ed i loro atti di criminalità non possono essere monitarati dalle forze dell’ordine. I disoccupati extracomunitari devono sparire dalla nostra nazione, semplicemente perchè c’e’ da sistemare prima i nostri figli, poi se ci sarà spazio sistemeremo anche gli altri.

    Quello che dice ONORE E FEDELTA’ è giusto! Tra i due mali e’ meglio quello minore.

    Ricordati una cosa: un Governo che fa e lavora sbaglia sempre, un governo che non fa, non sbaglia mai. Vediamo se sei cosi acuto da capire tra il governo prodi e quello del centro destra, chi ha fatto e chi non ha fatto

  5. mi sembra ci sia una differenza culturale molto profonda tra noi caro unionenera. Forse ignori che i nostri cari connazionali rifiutano di fare i lavori che considerano degradanti (badanti, raccoglitori pomodori, solo per farti qualche esempio) e fanno sì che i famosi extracomunitari servano eccome. E molti, non solo i delinquenti che andrebbero giustamente arrestati ed espulsi, sono costretti alle clandestinità da leggi imbecilli come la bossi-fini.

    Sul governo le iniziative esclusivamente populistiche e prive di contenuto (fatta eccezione per la giustizia) si commentano da sole

Lascia un Commento

Required fields are marked *.