WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500597303.4354701042175292968750', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Siamo sull’orlo del precipizio, facciamo un passo avanti | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Siamo sull’orlo del precipizio, facciamo un passo avanti

| 0 comments

Mentre il sottoscritto scriveva il post dal titolo "che fare", Walter Veltroni aveva già deciso, dalla notte precedente.

Sarà la simpatia che mi prende nei confronti di chi esce di scena (provai lo stesso moto d’affetto per Romano Prodi), sarà che chi crede in partito riformista ma non papista non vede molte alternative in giro, sarà per la vicinanza delle elezioni europee, ma mi dispiace molto che abbia deciso di lasciare la sua carica.

Questo perchè, nonostante la sua debolezza, i suoi errori, le sue ingenuità, era uno dei pochi che "ci credeva", che non portava avanti solo una linea per mantenere il potere, ma perchè credeva fosse quella la strada giusta per il Pd. In sintesi, se sbagliava lo faceva in buona fede. E adesso?

Adesso nessuno vuol bruciarsi le dita con le Europee, ma una riflessione è d’obbligo.
Se Veltroni fa un passo indietro, a coloro che in tutti questi mesi si sono specializzati nei ma, nei però, nei distinguo, nello spaccare il capello in quattro riducendo gli elettori a meri soldatini di una battaglia per poltrone, è richiesto di restare dove sono, bene in vista, anzi, di candidarsi ad assumere quelle responsabilità di fronte a una base inferocita.

Altrimenti l’altra soluzione sarebbe molto più lineare e incruenta: il gruppo dirigente che dalle guerre puniche continua a ricicciare fuori ad ogni occasione esce di scena, sta fermo un giro, come al gioco dell’oca. In attesa che qualcuno più fresco si decida a dare una linea per il futuro a un partito di piùchecinquantenni che minacciano di stare lì per almeno vent’anni ancora.

Speranze di realizzazione della seconda ipotesi: nulle. Ma almeno sulla carta ci si può divertire.
Lo stesso divertimento che mi prende quando mi rendo conto che esistono i "rutelliani". E io che pensavo che Rutelli fosse a meditare in qualche monastero sulle sconfitte plurime causate al centrosinistra italiano…

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.