WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500568101.0207569599151611328125', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Mazzarano e la truffa ai danni degli elettori del Pd | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Mazzarano e la truffa ai danni degli elettori del Pd

| 0 comments

Michele Mazzarano è un ex segretario regionale del Pd pugliese, candidato al consiglio regionale nella circoscrizione provinciale di Taranto.

Qualche settimana fa è stato tirato in ballo dal famoso Gianpi Tarantini nell’inchiesta che vede coinvolto (e attualmente in carcere) l’ex vicepresidente della giunta regionale pugliese Sandro Frisullo, dalemiano di ferro come Mazzarano.

Tarantini asserisce di aver versato a Mazzarano 10 mila euro.

Questa è la reazione di Mazzarano:

INCHIESTE BARI: MAZZARANO LASCIA INCARICO PD E CANDIDATURA (V.”INCHIESTE BARI: QUOTIDIANI…”DELLE 10,45 CIRCA)    (ANSA) – BARI, 20 MAR – Michele Mazzarano, l’esponente del Pd il cui nome sarebbe stato indicato dall’imprenditore Gianpaolo Tarantini quale beneficiario di tangenti insieme all’ex vicepresidente della giunta regionale pugliese Sandro Frisullo, ha deciso di dimettersi da segretario organizzativo regionale del Pd e di ritirare la candidatura al consiglio regionale. Lo annuncia in una nota lo stesso Mazzarano. (SEGUE).

MP
20-MAR-10 16:15 NNNN
INCHIESTE BARI: MAZZARANO LASCIA INCARICO PD E CANDIDATURA (2)

(ANSA) – BARI, 20 MAR - Mazzarano dichiara di aver appreso ”con sconcerto dalla stampa” di quanto avrebbe detto Tarantini ai magistrati. ”Nego nel modo piu’ fermo e risoluto – dichiara – di essere stato mai destinatario di tangenti da parte di chicchessia, e in particolare dal Tarantini, e sono convinto che la magistratura vagliera’ con le dovute cautele le suddette eventuali dichiarazioni”.
”Sono impegnato in una difficile campagna elettorale – prosegue Mazzarano – al servizio dello schieramento politico e del partito espressione degli ideali in cui mi sono riconosciuto per tutta la vita. Nel lamentare la gravissima e irresponsabile fuga di notizie in merito a un’accusa non riscontrata dalla stessa magistratura, non posso tuttavia non vedere come la situazione che si e’ determinata rischi di penalizzare l’intero schieramento politico che sostiene il presidente Vendola, e segnatamente il Pd”.
Mazzarano aggiunge di aver deciso ”con grande sofferenza” di lasciare incarichi di partito e candidatura, e chiede soprattutto a chi ha sostenuto la sua candidatura di ”capire e condividere le motivazioni politiche” della sua scelta. ”Con questa decisione – conclude – non intendo tanto salvaguardare la mia persona, estranea a qualsivoglia sistema tangentizio, quanto contribuire a mantenere indenne da ogni sospetto e da ogni accusa il mio partito e l’intero centrosinistra”.(ANSA).

Bene. Voi vi aspetterete che lui effettivamente sospenda la campagna elettorale, chiuda i suoi comitati e rispetti quanto dichiarato alle agenzie.

Nemmeno per idea. Mentre lui fa finta di stare muto a casa, i suoi sostenitori continuano con ancor più forza la campagna, facendo anzi leva sull’effetto vittima. E Mazzarano nell’ultimo giorno di campagna si presenta sul palco ringraziando per la “spontanea” macchina organizzativa che è andata avanti “contro la sua volontà”.

Nemmeno Berlusconi le sparerebbe così grosse.

Grazie al proseguimento della campagna come se niente fosse Mazzarano ottiene 6300 voti di preferenza e risulta tra gli eletti al consiglio regionale.

E, come prevedibile, dice che “siederà in Consiglio per rispetto dei suoi elettori”.

E il ritiro della candidatura? Non si configura in questo modo l’ennesima truffa ai danni degli elettori del Pd, che credono di votare un partito i cui membri si dimettono subito appena sfiorati dal sospetto?

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.