WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500568253.5841178894042968750000', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Bersani e Kipling | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Bersani e Kipling

| 0 comments

Qualche previsione si è verificata (la larga vittoria di Nichi Vendola), altre invece meno (sconfitta di Bonino). Succede.

L’astensione non ha colpito solo il centrodestra, e l’ascesa della Lega continua inarrestabile (ben oltre le più rosse previsioni finanche dello stato maggiore leghista a mio modo di vedere.

La vera sorpresa è rappresentata dai movimenti 5 stelle di Beppe Grillo. Nell’assoluto silenzio dei media mainstream, e con candidati giovanissimi (29 anni Davide Bono in Piemonte e 30 anni Giovanni Favia in Emilia) hanno conquistato rispettivamente il 4 e il 7%. Bravi.

Il difetto delle analisi più approfondite risiede però nel giudicare i fenomeni complessi sulla base di alcuni dettagli. Più o meno quello che avviene nelle partite di calcio, quando un gol (magari in fuorigioco al ’90) cambia tutto lo scenario e la lettura della gara.

Siamo proprio sicuro che se Mercedes Bresso in Piemonte avesse preso 10 mila voti in più, sorpassando Cota, e la Bonino gli 80 mila necessari a superare Renata Polverini per la presidenza del Lazio staremmo facendo la stessa analisi globale?

Penso di no. Penso si sprecherebbero i ritratti su Emma prossima candidata alla presidenza dell repubblica, e la Bresso proiettata  a livello nazionale. Bersani sarebbe il genio che ha ribaltato il corso della storia per il Pd e Berlusconi il grande sconfitto.

Può quindi un’analisi serena e complessiva basarsi solo sul fatto che Bersani ha vinto o ha perso in Piemonte e Lazio? Occorre un’analisi a bocce ferme e senza le voglie di rivalsa che abitano alcune aree del Pd. Alcune critiche sono giustificate, sia chiaro, ma è un tiro al piccione che avrei voluto osservare nel caso di vittoria in quelle due regioni.

Riuscirà Bersani ad affrontare il Trionfo e la Disfatta trattandoli ugualmente? Dopotutto con 100 mila voti in più (o anche solo 1 10 mila in Piemonte) sarebbe un genio a quest’ora..

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.