WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1566597287.3084909915924072265625', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Opinioni liberalizzate | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Opinioni liberalizzate

| 1 Comment

Lo confesso. Aspettavo da alcune settimane la giornata di oggi. Ero curiosissimo di vedere come avrebbero reagito al provvedimento sulle nuove liberalizzazioni tutti i liberali della domenica in servizio permanente ed effettivo alla Casa delle Libertà, che non avevano mosso un dito (specialmente quello no, rischiavano di scrivere qualcosa su qualche tastiera, non sia mai) per liberalizzare, nel corso del precedente governo, nemmeno il mercato degli accendini. Niente. Tutti zitti.

Poi, da qualche settimana a questa parte, i vari Fabrizio Rondolino, Franco Debenedetti, Nicola Rossi (con la sua uscita polemica dai Ds), Giuseppe Caldarola, erano uniti nel gridare "più riformismo, il governo deve indicare la strada". Adesso sarebbe ora che il ministro Bersani e soprattutto il presidente Prodi indichino bene la strada a questi signori (autodefinitisi coscienza critica della maggioranza di governo), che sarebbe però quella verso l’altra sponda politica, dove si troverebbe in compagnia di altri grossi personaggi che come loro tacciano di mancato riformismo e liberalismo questo governo.

Prendiamo Vittorio Feltri. Oggi riesce a dire, riuscendo miracolosamente a rimanere serio, "come fa un esecutivo di sinistra, in teoria votato alla difesa delle classi più deboli, a prendersela sempre con le categorie "povere"? Prima i tassisti e ora i benzinai e i barbieri: sono forse costoro a ingabbiare l’economia?".

Se non lo conoscessimo potremmo pensare che Feltri non abbia capito nulla, e spacci le microcorporazioni presenti in Italia per tutti i cittadini. Ma noi che lo conosciamo bene sappiamo che è solo malafede, quella di chi ha fatto del populismo la sua Magna Charta, e di chi in 5 anni di governo "liberale" non ha avuto l’onore di assistere a qualcosa del genere.

Ps Ho mancato di citare Il Giornale non perchè mi è antipatico (anzi, rappresenta tutti i giorni il mio spazio di buonumore) ma perchè invece che dare spazio alle liberalizzazioni, si concentra sulla protesta dei benzinai.

Psps Grande Silvio che con le sue dichiarazioni (scontatissime sulla futura leadership a Fini (dopo la fuga di Casini a chi dovrebbe affidarsi, a Elio Vito?) e oltremodo ripetitive nel resto) è riuscito a rubare la scena alle liberalizzazioni.

Be Sociable, Share!

One Comment

  1. liberali? io nel centrodestra non vedo liberali, solo democristiani e vecchi fascisti rincoglioniti.

Lascia un Commento

Required fields are marked *.