WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1501180553.4621698856353759765625', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Monti e i suoi trascorsi con Cirino Pomicino | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Monti e i suoi trascorsi con Cirino Pomicino

| 0 comments

Tra tutti i soprannomi coniati da Beppe Grillo per definire il premier Mario Monti quello di “consulente di Pomicino”  è sicuramente il più azzeccato e contemporaneamente quello che dà più fastidio all’ex rettore dell’Università Bocconi.

Il perchè è presto detto: è una notizia che nelle sterminate biografie di Monti che si trovano nei siti istituzionali e sulle testate più accreditate non compare. Silenzio assoluto. Tanto che c’è voluta qualche dichiarazione all’uopo di “O’ Ministro” per far tornare la memoria (a coloro che ne hanno voglia eh).

Il futuro premier Mario Monti è stato il principale collaboratore dell’allora ministro del Bilancio Paolo Cirino Pomicino dal 1989 al 1992, anni che non vengono certamente ricordati per il risanamento economico ma per il dissesto dei conti pubblici che portò il Paese alla bancarotta.

I saggi consigli di Monti portarono ad un incremento del 44% del debito pubblico in tre anni. Un successone per il Vate dei conti, che giustamente si guarda bene dall’inserire questi suoi importanti trascorsi nel suo curriculum. Lui giustamente va molto più fiero della sua presenza al tavolo del Gruppo Bilderberg e della Commissione Trilaterale, ci mancherebbe.

Se a pagare il conto di una crisi profondissima, non causata da Monti ma da molti suoi amici nelle banche d’affari americane, non fossero (per adesso) pensionati e lavoratori, si potrebbe sorridere dei trascorsi con Pomicino di Monti. Ma vedendo che sono proprio queste categorie i bersagli delle sue politiche viene da pensare che forse Pomicino sarebbe stato molto più saggio del suo vecchio superconsulente.

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.