WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500568530.7163081169128417968750', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Luttazzi, torna | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Luttazzi, torna

| 4 Comments

Daniele Luttazzi è sempre stato un artista molto apprezzato, che alcuni amavano molto, altri poco, altri per nulla, che alcuni amavano prima che Berlusconi decidesse per loro che non faceva più ridere, ma che comunque, anche se non lo si apprezzava, si poteva universalmente definire un innovatore geniale, uno dei pochi che conosceva la differenza tra satira e invettiva, tra sfottò e comicità.

Luttazzi è tornato la scorsa settimana nominalmente sullo schermo, in realtà non è tornato per nulla come artista. E, si badi bene, non solo in tv. Bastava sentirlo a teatro fino a qualche mese fa. O nelle rare interviste concesse in questi anni di allontanamento forzato dal piccolo schermo.

Il suo spettacolo teatrale era diviso in due parti: la prima era un monologo sul sesso già ripetuto nei tour degli anni scorsi (praticamente sono 3-4 anni che fa sempre le stesse cose), la seconda trattava i temi di attualità ma somigliava più a un comizio che ad un spettacolo di satira feroce contro il potere.

Nelle interviste era lì con il bilancino a spiegarci cosa è la satira (operazione meritoria, ma la teoria sono tutti in grado di farla, è la pratica che conta) ma di darci qualche dimostrazione più concreta non se ne parlava.

L’attesa era grande per il ritorno in tv, assoluta libertà creativa (pretesa e ottenuta) ma i risultati satirici o comici non arrivano. le battute sul papa sono le stesse che si sarebbero potute fare dopo la sua elezione (quasi tre anni fa), niente di davvero nuovo, risate in scatola, qualche detto e contraddetto che ormai fanno tutti, tempi morti evidentissimi. In confronto Satyricon è molto più avanti pur essendo un programma vecchio di 6 anni. Abbiamo aspettato di vedere anche la seconda puntata, ma non ci ha dato nulla di nuovo rispetto alla prima, ma anzi le solite battute usate in questi anni.

Torna Daniele, siamo pronti ad aspettarti ancora ma torna con un tuo vero programma che innovi, che faccia scuola, e che dimostri tutto il tuo naturale talento.

Be Sociable, Share!

4 Comments

  1. sembra quasi che si trattenga,

    e non capisco perchè.

  2. Wow, il titolo poteva anche essere “Torna, ‘sta Casa (delle libertà?) aspetta a te”

    Ah ah ah. Stump.

    Ema

  3. ema sei sempre così criptica…. stump!

  4. Alla fine Luttazzi conferma la mia tesi… La cacciata gli ha giovato, allungando i limiti fisiologici della sua carriera artistica ormai in esaurimento. Ora che è tornato in TV non sa più che fare.

Lascia un Commento

Required fields are marked *.