WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1501180333.4403119087219238281250', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Le mancate inchieste sulla salute di Bossi | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Le mancate inchieste sulla salute di Bossi

| 4 Comments

“Secessione!”.

E’ sempre molto divertente leggere i giornali quando si parla di Umberto Bossi. Il motivo principale è il fatto che in molti lo prendono sul serio. Basta che salga sul palco e spari la prima cazzata che gli viene in mente o la cosa di cui ha parlato con l’ultima persona incontrata e partono i titoloni.

Ma sul Senatùr bisognerebbe farsi altre domande: quanto è credibile Bossi? E ancora: qualcuno è in grado di dare delucidazioni sulle effettive condizioni di salute dell’alleato principale del premier Berlusconi?

Negli Stati Uniti è consuetudine far vedere le proprie cartelle cliniche per far capire ai propri elettori di essere in grado di assolvere ai propri doveri pubblici, in Italia no. Dal 2004 (anno dell’ictus e della sua emiparesi, con alcune testimonianze mai confermate che parlano della presenza con Bossi della cantante Luisa Corna nel momento del malore) abbiamo il leader del secondo partito della maggioranza in condizioni sicuramente precarie (basta vedere le sue foto) ma su cui ufficialmente nessuno si pronuncia. Tanto che il rebus su Bossi (e su chi verrà dopo di lui) appassionava, secondo i cablogrammi pubblicati da Wikileaks, anche la diplomazia americana.

Invece questo argomento è sorprendentemente assente (o quasi) dai grandi giornali, impegnati a commentare se davvero Bossi vuole un referendum sulla costituzione della Padania, come se potessimo prendere sul serio le sue parole a stento percepibili.

 

 

 

Be Sociable, Share!

4 Comments

  1. L’onestà morale dovrebbe provvedere ,ritenendo ancora convalescente il Sig. Bossi e sottoporlo ancora oggi a terapie di riabilitazione,non sottovalutando più o meno le capacità reattive della parola,.Le sue dimissioni per trauma,non possono garantire momenti di lucidità,Sarebbe opportuno ,
    vistal’eta del soggetto sottoporlo ad esami attitudinali,visto la carica di Ministro. Pertanto aggiungendo i più fraterni auguri Cristiani,di un sano recupero Distintamente saluto Carlo Cocch

  2. Sul fatto della Corna anch’io ho sentito qualcosa, ma sono cavoli loro, però quello che indispone sono le mancate imputazioni per le sue intemperanze: contro la Costituzione, contro il Capo dello Stato e contro la Bandiera. Per molto meno un cittadino qualunque incappa nelle maglie della Giustizia e, quando gli va bene, se la cava con un’ammenda pecuniaria.

  3. Però, bisogna dirlo, sulle multe per aver superato le quote latte assegnate nel Veneto, è stato molto bravo, non le ha fatte pagare agli allevatori Veneti, ma le ha spalmate sulla collettività nazionale. Poi dice Roma Ladrona, ma si vergogni!
    La Lega dice Roma Ladrona,
    però che bella Roma e la poltrona!

  4. Chiedetelo alla Corna. Scherzi a parte, Sicuramente al senatur ha avuto dei danni celebrali, anche se lievi, ha sbalzi di umore,e alcune carenze, che non sono quelle legate alla parola ma alla personalita’ e caratteriali. Decisioni e reazioni lente od errate,percui, non gli si puo’ chiedere di essere quello di prima. Certo che in parlamento ci sono persone la cui eta’ e’ tale da essere mentalmente piu’ carenti di bossi,poi ci sono, quelli che fanno uso di cocaini( anche a livelli alti ),percui al di la della carica che riveste meglio bossi ridimensionato nelle responsabilita’ che un cocainomane.

Lascia un Commento

Required fields are marked *.