WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1501180191.9056251049041748046875', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Il futuro delle prossime campagne elettorali? Un iPad ai capibastone | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Il futuro delle prossime campagne elettorali? Un iPad ai capibastone

| 0 comments

Nei giorni successivi alla vittoria di Obama molti giornalisti (anche italiani) si sono concentrati sulle modalità con cui questa campagna presidenziale è stata condotta dai due schieramenti.

L’elezione del 2008 è diventata una pietra miliare nella storia delle campagne elettorali. E credo che quella del 2012 si avvii verso la stessa strada, se è vero che lo stesso Jim Messina, responsabile della “macchina” obamiana, in un’intervista con il Guardian parlava della tornata del 2008 come “preistoria”.

L’aspetto innovativo più immediato che si può notare è l’utilizzo dei nuovi media da parte dei due sfidanti. Su questo il Pew Research in agosto ha pubblicato un interessante rapporto in cui si analizza a fondo l’approccio ai social quindi vi rimando a loro e alle chiavi di lettura individuate da Political Digital Academy.

Qui vorrei invece parlare non dell’uso dei social media ma di qualcosa che riguarda l’utilizzo di strumenti molto più sofisticati di un post su facebook o un tweet, in primis i  famosi database pieni di informazioni personali sugli elettori sicuri (per mobilitarli e spingerli a sostenere in maniera attiva un candidato) o sugli indecisi (per indirizzarli a votare per il proprio candidato).

Il resto dell’articolo lo trovate qui su Letteratu.it

 

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.