WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1511349042.7124350070953369140625', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Doppio standard | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Doppio standard

| 0 comments

Fossimo nei panni di Ahmadinejad, potremmo tranquillamente invocare la teoria del doppio standard.

Sui colossali brogli del presidente iraniano tutti i commentatori italiani di sono scatenati e hanno sobillato la protesta in piazza. Tutto giusto e sacrosanto.

Per quanto riguarda la situazione dopo la tornata elettorale in Afghanistan la situazione, direbbero gli uomini di mondo, è più fluida. Grande enfasi sul promesso taglio di naso e orecchie da parte dei talebani per chi si fosse recato alle urne. (Alla fine si è anche trovato un afghano mutilato).

Dei brogli si parla ma quasi svogliatamente, senza che ci siano gli accorati appelli dei soloni che pontificano ogni due per tre sui diritti umani. Eppure dovrebbero sapere che in certe regioni la gente ha davvero sfidato le minacce talebane pur di andare a votare (o almeno questo è quello che ci hanno fatto credere).

Eppure gli esempi di giornalismo serio in questo senso non mancano. Dall’Economist che testimonia come in certi seggi risultassero più voti che votanti, con migliaia di schede misteriosamente apparse in assenza di elettori nei seggi, al Nyt di oggi che raccoglie la testimonianza di un leader tribale, ex alleato di Karzai, che parla di circa 24 mila voti inviati per i conteggi a Kabul senza che nessun elettore abbia mai nemmeno preso in mano una scheda.

Da noi niente infervoramenti, niente crociate anti-brogli, niente lezioni di democrazia da impartire al presidente afghano. Ci si limita alla cronaca e a qualche blanda critica. Urge un intervento di qualche Pr per rendere Ahmadinejad simpatico almeno quanto Karzai

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.