WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500567972.7530779838562011718750', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Italiani all’estero | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Italiani all’estero

| 0 comments

Uno dei miei sogni nella vita è quello di scrivere la storia degli italiani che vivono in piccole nazioni, lontane dall’Italia. Mi affascina e mi incuriosce molto chi va via  da qui per andare in posti sconosciuti (per fare un esempio Sao Tomè, Tonga, Vanuatu, Tristan De Cunha etc etc). In attesa di coronare questo sogno ho letto stamattina sul Messaggero (p. 22) di un gruppo di pensionati italiani che ha scelto di andare a fondare una comunità a Xul, nello Yucatan, dove ha comprato un terreno e ha iniziato a costruire un piccolo centro abitato nei pressi del luogo in cui si stima che circa 65 milioni di anni fa cadde un asteroide che potrebbe aver causato l’estinzione dei dinosauri.

L’articolo riprendeva una storia apparsa qualche giorno fa sul Nyt in cui si ipotizzava (anche se un residente ufficialmente smentiva) che il gruppo aspettasse in quel luogo l’imminente fine del Mondo che avverrà nel 2012 secondo l’ormai famosa interpretazione di una profezia Maya.

Sarebbe ovviamente interessante fare una chiacchierata con loro per capire come vivono, e perchè, come ha riferito tra le altre cose un testimone, hanno inserito nei muri spessi 80 cm delle gomme di automobile. Magari toccherà a me un giorno l’onore di andare a trovarli. Intanto prendo nota.

Update: della vicenda degli italiani si sono occupati anche Liquida, Segni dal Cielo, Il Corriere della Sera.

Pare che siano riuniti sotto l’associazione Quinta Essencia, che asserisce di avere come obiettivo la preservazione dell’obiettivo ecologico e che a occupare il sito siano 38 nuclei familiari.

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.