WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500964797.5594630241394042968750', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Gustavo la candidatura | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Gustavo la candidatura

| 0 comments

Tra i tanti che sgomitano per trovare un posto prima della chiusura delle liste dei partiti maggiori ce n’è uno che rinuncia al suo seggio sicuro. Sicuramente un eroe d’altri tempi. Un generoso politicante che ha deciso di fare largo ai giovani. Uno dei pochi idealisti ancora in giro nelle stanze della politica.

Poi vai a vedere di chi si tratta e la sorpresa e le certezze si ridimensionano. Perchè ad annunciare (si legga bene: annunciare non vuol dire automaticamente agire di conseguenza) il ritiro della propria candidatura è nientemeno che Gustavo Selva, di cui questo blog (e tutti i giornali italiani) si occuparono quando, "usando un vecchio trucco da giornalista" finse un malore e per poter assistere ad un dibattito pomeridiano usò un’autoambulanza come taxi.

Oggi infatti il gup di Roma ha condannato Selva (definito da Michele Serra in qualche vecchio articolo "più a destra dei faraoni d’Egitto") a sei mesi di reclusione e 200 euro di multa per  truffa ai danni dello Stato aggravata dall’abuso di potere e dall’interruzione di pubblico servizio.

L’ex affiliato alla loggia p2 all’epoca dei fatti era un senatore di An e annunciò prontamente le sue dimissioni, salvo poi ritirarle in nome dei "cittadini che mi chiedevano di restare" e della continuità ideologica, iscrivendosi in un batter d’occhio a forza italia. Un’altra truffa alla pubblica opinione dopo quella dell’ambulanza.

Così chi è diventato sospettoso aspetta di controllare le liste prima di credere sulla parola all’anziano senatore quando dice di volersi ritirare: non vorremo che fosse l’ennesimo "vecchio trucco da giornalista" con cui attirare l’attenzione sulla propria candidatura. Anche perchè si sa che in certi partiti le condanne fanno punteggio

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.