WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1501029308.6556389331817626953125', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Foglio pubblicitario | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Foglio pubblicitario

| 0 comments

Dopo averci spiegato dove esattamente si trovavano le armi di distruzione di massa di Saddam, dopo averci illuminato sulle lungimiranti doti politiche di Bush, dopo aver trasformato un giornale di opinione in una pubblicazione evangelica, dopo i tentativi di spacciare Sarah Palin per una statista, il Foglio di Giuliano Ferrara sceglie di illustrarci quanto brutta sporca e cattiva sia Viviane Reding, commissario europeo alla società dell’informazione e mezzi di comunicazione.

A pag. II il quotidiano definisce demagogico le battaglie messe in atto dalla Reding contro le compagnie telefoniche. Dopo essere riuscita a introdurre il tetto massimo delle tariffe del roaming internazionale in entrata ed in uscita dai telefoni cellulari,  il commissario europeo ha intrapreso una nuova battaglia per fissare un limite al costo degli sms inviati in un paese diverso dal proprio (a 11 cent).

Un giornale che avesse a cuore gli interessi dei consumatori applaudirebbe a queste iniziative che saranno anche populiste ma che vanno ad intaccare delle rendite di posizione accumulate indebitamente da imprese oligopolistiche ai danni delle tasche degli utenti. Invece no.

Il Foglio pensa ai 450 dipendenti di 3 che, secondo l’ad Novari, verranno licenziati per colpa di Bersani che, con l’abbattimento del costo di ricarica, priverà il gruppo di introiti per circa 800 milioni di euro fino al 2012.

Agli spaventosi utili degli altri operatori (ottenuti anche grazie a questi metodi) nessun riferimento. Agli accorpamenti dei piani tariffari che non sono altro che rincari mascherati (male) nemmeno una parola. Spazio invece ad una ricerca comparativa francese che mostra come i messaggini (inviati nello stesso Paese) costino alle nostre compagnie telefoniche 13 centesimi. Peccato che tutte le altre fonti (tra cui un operatore) parlino di cifre ben più basse

L’indignazione ha raggiunto il massimo livello? Aspettate di girare pagina. L’intera pag. IV è interamente ocCupata da una pubblicità di una delle più grandi aziende italiane. Avevate dubbi o avete indovinato subito che si trattava di Telecom Italia?  

 

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.