WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500964760.9633159637451171875000', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Consiglierebbe a un giovane di diventare giornalista? | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Consiglierebbe a un giovane di diventare giornalista?

| 4 Comments

Quando viene intervistato qualche giornalista, di solito avente dai 60 anni in su, una domanda quasi inevitabile è quella che chiede"consiglierebbe a un giovane che ne avesse la passione di fare il giornalista?".

La risposta, pronunciata sempre con una fronte corrucciata e la testa che scuote, è invariabilmente "no". Il pessimismo che vela le argomentazioni, anche se ineccepibili, stride però con la quantità di ragazzi che si iscrivono ai corsi di scienze della comunicazione, che frequentano le scuole di giornalismo o che più o meno segretamente coltivano il sogno di prendere il posto dell’intervistato (o dell’intervistatore).

Sgombriamo il campo dagli equivoci chiarendo subito che la stragrande maggioranza di questi aspiranti non è preparato culturalmente per essere un buon giornalista, non ne ha l’onestà intellettuale che sarebbe richiesta, non legge i giornali. Eppure.

Nonostante non sia mai stato tenero con i giornalisti e il giornalismo italiano in generale, nella mia piccola esperienza conosco almeno mezza dozzina di persone che in una redazione non sfigurerebbero, anzi. Persone preparate e pronte ai sacrifici necessari per imparare il mestiere e che non coltivano soltanto l’ambizione del contratto articolo 1 o di diventare un trombettiere di questo o di quel partito. Possibile che i grandi giornalisti interessati non ne conoscano nessuno a cui valga la pena dare l’opportunità di prendere (un giorno lontanissimo) il loro testimone?

Perchè scoraggiare tutti pontificando l’imminente fine del giornalismo? E cosa credono di grazia? che quando loro non ci saranno più i giornali chiuderanno? Giorgio Bocca a "Che tempo che fa" ha detto "se un giovane vuole occuparsi di giardinaggio gli consiglierei di fare il giornalista", sottointendendo che se volesse occuparsi di altri argomenti sarebbe meglio lasciar perdere.

Spesso nemmeno una parola (anche per ragioni anagrafiche) sulle nuove sfide (il web, il citizen journalism) che il giornalismo dovrà affrontare nei prossimi anni, e che loro spesso non sono assolutamente attrezzati per vincere.

Mai mollare la posizione (e la presunzione).

Be Sociable, Share!

4 Comments

  1. Chiedere un po’ di professionalità nei voti del lunedì della Gazzetta dello Sport è domandare troppo?

    Quelli sì che sono incompetenti!

  2. Giuston, tu dici che ho le qualità giuste per propormi e non mollare??

  3. giuston se molli ti mollo!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.