WordPress database error: [INSERT command denied to user 'appuntis12056'@'2001:4b78:1001::501' for table 'wp_options']
INSERT INTO `wp_options` (`option_name`, `option_value`, `autoload`) VALUES ('_transient_doing_cron', '1500597420.8880538940429687500000', 'yes') ON DUPLICATE KEY UPDATE `option_name` = VALUES(`option_name`), `option_value` = VALUES(`option_value`), `autoload` = VALUES(`autoload`)

Confessioni scomode di un arcivescovo omosessuale | Il blog di wow

Il blog di wow

Riflessioni non richieste su giornalismo, politica, economia, televisione

Confessioni scomode di un arcivescovo omosessuale

| 0 comments

Per la serie "recensioni che non saranno pubblicate o che riceveranno al massimo qualche trafiletto" avremo quasi sicuramente il caso dell’ex arcivescovo cattolico di Milwaukee Rembert Weakland, che ha deciso di pubblicare una autobiografia, che uscirà in Giugno.

Ne dà invece notizia il  Milwaukee Journal Sentinel, citando un’intervista rilasciata all’Associated Press da Weakland, in cui tra le altre cose egli asserisce di aver voluto pubblicare adesso il suo libro, "un pellegrino in una Chiesa pellegrina", proprio perchè anche nella Chiesa cattolica si parli più apertamente dell’omosessualità senza l’isteria che ne contraddistingue il dibattito finora.

Weakland, che nel suo libro parla apertamente della propria omosessualità e della sua incapacità di sorvegliare riguardo ai preti macchiatisi di pedofilia nella sua diocesi, si è dimesso da arcivescovo di Milwaukee nel 2002 dopo la scoperta di un pagamento di circa 450 mila dollari (sottratti ai fondi della diocesi) per garantirsi il silenzio di un suo ex allievo che lo accusava di aver subito da lui uno stupro mentre era uno studente di teologia alla Marquette University.

Weakland stesso ha ammesso in una deposizione lo scorso Novembre di essersi limitato a trasferire dei sacerdoti macchiatisi di abusi in altre parrocchie senza informarne i fedeli e soprattutto l’autorità giudiziaria.
Un’ammissione che non si fa fatica a credere perchè, dai numerosi processi e dalle inchieste degli ultimi anni, la posizione ufficiale della Chiesa si è sempre orientata all’insabbiamento quando possibile e alla minimizzazione se un caso viene portato alla ribalta.

Niente di nuovo sotto il sole verrebbe da dire, se questa volta non ci fossero le parole dell’ex arcivescovo a risuonare forti e chiare, appena la Chiesa Cattolica si toglierà i tappi dalle orecchie e le bende dagli occhi.

Be Sociable, Share!

Lascia un Commento

Required fields are marked *.